A FIANCO DI PAOLO FERRARO: “UN DOVERE CIVILE NELL’INTERESSE DELLA COLLETTIVITA’”

La psichiatria deviata denunciata dal magistrato Paolo Ferraro non è solo fonte di corruzione ma diventa un’arma letale nel momento in cui tenta di demonizzare e dichiarare malato chiunque si discosti dalla norma comunemente accattata. Basta leggere il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali per trovare il DOP (DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO) in cui chiunque non si uniformi a quanto giudicato normale dalla classe dominante, viene etichettato malato mentale. Secondo il Manuale Diagnostico di Psichiatria il DOP diventa la condizione per cui una persona potrebbe rifiutare di conformarsi utilizzando un modello continuativo di comportamento disobbediente, ostile e provocatorio. Tutti noi sappiamo che non tutte le forme di disobbedienza e provocazione sono sbagliate: dipende dal tipo di autorità contro cui ci si ribella e dal motivo della ribellione. IL DOP diventa un pericolo ancora maggiore se viene collegato all’uso di queste diagnosi soggettive con un’alta probabilità che vadano ad intaccare la libertà di parola e il diritto al dissenso politico. Il Prof. Richard J Bonnie, Ordinario di Diritto e Direttore della Facoltà di Legge dell’Università della Virginia, ebbe a dire: “L’incarcerazione psichiatrica di persone sane è uniformemente percepita come una forma di repressione particolarmente pericolosa, perché usa i potenti mezzi della medicina come strumenti di punizione, e reca un profondo attacco ai diritti umani usando inganno e frode”. L’articolo, pubblicato dal Journal of American Academy of Psychiatry and Law, faceva riferimento a Unione Sovietica e Cina, ma si adatta perfettamente a quello che la professione psichiatrica sta diventando oggi nel nostro occidente democratico. Il DOP è un’altra invenzione di quella psichiatria deviata che vede nella psichiatria un mezzo di repressione e punizione. Molte delle diagnosi (ma non tutte) del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM) sono completamente prive di criterio scientifico e si basano su opinioni. Non scordiamoci che il Disturbo da Deficit d’Attenzione e Iperattività (ADHD) che oggi viene utilizzato sui bambini con eccessiva facilità fu un disturbo creato dal Dr. Leon Eisenberg il quale dichiarò sul letto di morte: “l’ADHD trattasi di un disturbo finto”. Il rischio futuro per il nostro paese è che chiunque potrà essere etichettato come malato mentale ed essere soggetto a “trattamenti” pericolosi e potenzialmente letali solo perché non uniforme all’elite di potere. Quell’elite di potere denunciata dal magistrato Paolo Ferraro e che oggi condiziona la vita politica del nostro paese deve assolutamente essere isolata e annientata a partire dallo strumento arma della psichiatria di apparato; Ma per capire tuttto occorre ricostruire e rileggere decine di anni di serpeggiante organizzazione di un potere diffuso , e di controllo sotterraneo delle vecchie elite politiche burocratico e produttive : e per far questo leggere il lavoro di tre anni posto in essere da Paolo Ferrao, dal CDD, dai vari intellettuali non pavidi che hanno accetttao la sfida del conoscere per la verità e per la libertà. Per questo motivo unirsi al magistrato Paolo Ferraro per fare sì che rientri in magistratura diventa un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre anche nell’interesse della collettività.

Tafanus  E Grillo disse ai suoi  dobbiamo guardare a destra